sabato 18 aprile 2015

Promossi a pieni vuoti


Sitting & Smiling. Il passatempo preferito di Benjamin Bennett. Si siede, imposta il volto sull'espressione "sorriso" e passa ore e ore immobile a fissare il vuoto. O meglio, guarda dritto l'obiettivo della sua videocamera, dopodichè posta i video su YouTube. Quale sia il beneficio che ne trae non ci è dato saperlo, quel che è certo è che non ci sono trucchi. Ciascun video ha una durata di 4 ore, il primo lo ha postato il 28 luglio 2014, il 73° martedì scorso:


Wingsuit Flight. Brandon Mikesell la videocamera se la piazza sulla testa. Poi si tuffa nel vuoto, giù dal precipizio con la sua tuta alare. Qui lo vediamo galleggiare tra le montagne di Walenstadt, in Svizzera. Mi scuserete se ora vi svelerò subito il finale, lo faccio per i più impressionabili: alla fine il paracadute si apre :)


Floating Chiasso. Restiamo in Svizzera: per gli appassionati dell'estremo in cerca di nuove emozioni sensoriali, ma soprattutto per chi sente il bisogno di fare vuoto dentro di sè, la risposta arriva da Chiasso, città a due passi da Como. Pare che mettersi sotto sale, come si usa per le sardine, sia un rimedio anti-stress particolarmente efficace. L'apparecchiatura proposta nel video è completa di pulsante anti-panico: se volevano tranquillizzarmi non ci sono riusciti...


DOC

Immagine in apertura: "Holding on to Myself" di Peter Callesen

4 commenti:

Santa S ha detto...

Quasi quasi mi metto "sotto coperta", ma non credo valga ;) Buona settimana

mari da solcare ha detto...

Caro DOC, il vuoto è una delle mie principali fobie: chissà quante vite e/o psicoterapie ci vorranno prima che io riesca a gettarmi come Brandon Mikesell ... Forse per le fobie vale parafrasare la preghiera di san Francesco: "Signore, aiutami a superare le fobie che posso riuscire a superare; ad accettare quelle che non riesco a vincere e a distinguere le une dalle altre." Un abbraccio.

DOC ha detto...

@Santa - L'immersione costa un euro al minuto, ogni seduta dura 80 min: ci credo che poi ci si sente "più leggeri"... :) Vengo a leggerti, intanto buon pomeriggio.

@Maruzza - Non poteva essere altrimenti, per una di "saldi" princìpi come te... Quella di S. Francesco è tra le richieste più sagge che si possano fare al Signore: grazie, ne approfitterò. Buon pome, ri-abbraccio.

Silvia Pareschi ha detto...

Be', però la terza vince a mani basse... se me la regalassero la proverei volentieri!