domenica 13 aprile 2014

Cosa succede in città


Un giorno libero da tutti gli impegni, per riempirlo di cose da voler fare, anzichè "dover" fare. L'avevo programmato, e oggi è arrivato.
Mi sono alzato presto, e per prima cosa sono andato al cimitero, finalmente con la presenza di spirito adeguata e senza ansie da orologio. Un soffio di pensiero ai miei cari estinti, dopodichè, prima di abbracciarli più a lungo, ho voluto sistemargli per bene l'alloggio: ho rimpiazzato i fiori secchi, spolverato gli addobbi e rinnovato le playlist musicali. Quella di collegare ai loculi un lettore Mp3 connesso a internet mi è parsa da subito un'ottima idea.
Il Lietòfono™ viene generalmente usato per riprodurre preghiere e canti religiosi, io però preferisco la musica: mi piace pensare che, ovunque alberghi l'anima dopo il trapasso, possa continuare a inebriarsi delle onde sonore a cui era affezionata in vita. Per mio fratello, che traeva nutrimento un po' da tutti i generi musicali, ho composto una selezione dei suoi brani preferiti; invece a mio padre, senza troppe esitazioni, ho dedicato la colonna sonora completa del maestro Piovani "La vita è bella".
Una volta all'esterno, avendo la necessità di liberarmi dei fiori secchi e di altri residui, ho atteso pochi minuti l'arrivo dello spazzino. Ma forse è bene che mi spieghi: trattandosi di una novità assoluta, può darsi che ancora non ne abbiate sentito parlare.
Lo Spazzino™ è una vettura che viaggia sui binari del tram, adibita esclusivamente al trasporto dei rifiuti. In pratica, contiene gli antiestetici cassonetti che prima erano sparsi per le vie, liberandole dai miasmi e assicurando una passeggio più gradevole. Il servizio funziona egregiamente, ne passa uno ogni 15 minuti, e tutti fanno capolinea fuori città presso il centro di raccolta, smistamento e smaltimento dei differenziati. Sono entrato nel mezzo, ho riposto il mio sacchetto nell'apposito contenitore, e uscendo ho salutato l'autista.
Lo conosco, è un bravo ragazzo di 26 anni. Fino a un anno fa senza lavoro, benchè laureato. I turni da conducente di spazzini ora consentono qualche agio in più alla sua giovane famiglia; ma l'occupazione principale, quella che finalmente permette loro di vivere dignitosamente, Giacomo l'ha trovata presso la F.A.M.E., Fabbrica Apparecchi Multimediali Ecosostenibili. Azienda municipalizzata inaugurata di recente, assembla i congegni elettronici destinati alle strutture museali e alle maggiori attrazioni turistiche della provincia; ad esempio i monitor con le mappe e le informazioni utili, le biglietterie automatiche, i circuiti di sorveglianza. E anche qualcosa di più originale: proprio il mese scorso è stato presentato il Salutino™, un'esclusiva che già gli altri comuni ci invidiano, tanto che se ne prospetta la distribuzione a livello nazionale.
Immaginate un display grande come una porta, collocato a una distanza tale da non rovinare l'estetica cittadina, di fronte al monumento che avete appena visitato; inserendo un Euro nell'apposita fessura, questo grande display, grazie ad una fotocamera, riprodurrà la vostra immagine come se foste davanti ad uno specchio, e quindi con il monumento di sfondo; quando sarete pronti, premendo un pulsante la fotocamera scatterà la foto-ricordo pronta da scaricare sul cellulare (Wi-Fi / Bluetooth) o condividere sui social network. La cosa buffa è che l'immagine resta fissa sul megaschermo a dimensioni reali, finchè un nuovo utente la sostituisce con la propria. Beh, non ci crederete: i turisti ne vanno matti, ma anche i residenti, che si divertono a immortalarsi nelle pose più bizzarre o ad ammirare l'ultimo scatto rimasto impresso. Una cinquantina gli apparecchi installati nella provincia, per un ricavo calcolato: tolte le spese di produzione e manutenzione, compreso ovviamente il salario di Giacomo e dei suoi colleghi, resta una congrua somma che il comune può reinvestire in attività culturali e di promozione turistica.
Ormai l'avrete capito, amo lo spirito innovativo di questo centro abitato; quello che invece non potete immaginare è come mai sia così informato sui dettagli dei progetti in corso... A questo punto, modestia a parte, lasciate che mi presenti: il mio nome è Leonardo Lampa e faccio parte dell'Amministrazione comunale della città di Neo, con la qualifica di Assessore al Migliorabile. Il Lietòfono™, lo Spazzino™ e il Salutino™ sono di mia concezione, molte altre idee riserbo in cantiere, e spero proprio di potervene dare conto quanto prima con altrettanta soddisfazione. Ora però bisogna che vada: voglio sperimentare la Nonsoteca™, dicono che stia andando alla grande...


DOC

8 commenti:

Vele Ivy Di Colorare ha detto...

La prima avventura di Leonardo Lampa! Spero che ce ne siano molte altre! Che bello leggere queste righe, c'è la tua tipica verve un po' umoristica, un po' malinconica ma comunque positiva che mi infonde serenità!

ARIS ha detto...

:) mi piace Leonardo Lampa …e anche io spero in una prossima puntata!!! Perché non ci scrivi un libro? magari qualcuno poi decide di pubblicare anche delle cose buone invece della spazzatura che ci propinano (giusto per restare in tema rifiuti ;P)

mari da solcare ha detto...

Che bel post! Faccio la ola per il sig.Lampa, Assessore al Migliorabile e geniale inventore del Lietofono e affini, nonchè convinto sostenitore della FAME, acronimo di Fabbrica Apparecchi Multimediali Ecosostenibili.
La verità, mio caro DOC, è che tu ami la buona politica e l'ecologia anche più di me e ci scrivi su raccontini ... fantastici. Un abbraccio.

Pippicalzelunghe ha detto...

Finalmente!!!
Questo è un raccontismo molto alternativo, proprio come piace a me!
Questo Lampadario, pardon Leopardo Lampa merita un premio speciale per le sue idee, ma sopratutto per come scrive è troppo rock.
Complimentoni aspetto con ansia le sue prossime idee, per cortesia mi potresti salutare quel pigrone di Super Doc???
Auguroni con tanti cioccolatoni!!!

Maria Di Naro ha detto...

....geniale,simpatico,divertente ...non smetterei di conoscere le altre meravigliose invenzioni.Buona Pasqua

DOC ha detto...

@Vele @Aris @Maruzza @Pippi @Maria:

grazie per i vostri comm(ov)enti, così garbati e sentiti. Approfitto di questa risposta corale per rinnovare a tutte voi una sincera Buona Pasqua, Pasquetta & oltre. Grazie anche da parte di Dino Lampa, ovviamente (mi ha promesso che presto tornerà a parlare di sè e della sua amata città :) Un largo abbraccio.

Monica Auriemma ha detto...

e qua mi sa che bisogna brevettare tutto, sono meravigliose invenzioni! =) =) =)

DOC ha detto...

Ah, ma queste ai cinesi non le vendo! Voglio vederli sbavare d'invidia :D Grazie per la visita, buona serata!