domenica 28 agosto 2011

Come la vita


IL TRENO VA
Paolo Conte, dall'album "900", 1992

Dir che ti penso è un controsenso, perché sei sempre qui, sì.
Tra le mie dita come la vita che in un sorriso vivi...
Il treno va, scomparirà sulle sue ruote rotonde dietro alle nuvole bionde...
Io sono qua, rimango qua in questa ruggine densa, come qualcuno che pensa a un treno...
Tu dove vai, con quei begli occhi che hai? Ritornerai? Me l’hai promesso, lo sai...
Il treno va, scomparirà dietro alle nuvole bionde sulle sue ruote rotonde ormai...
Tu dove vai, con quei begli occhi che hai? Ritornerai?
Me l’hai promesso, lo sai...
Il treno va, scomparirà sulle sue ruote rotonde dietro alle nuvole bionde ormai.
*     *     * DOC
(dedicata a quei begli occhi)

4 commenti:

Vele Ivy ha detto...

Che ricordi Paolo Conte! Quand'ero piccola i miei l'ascoltavano sempre... la mia preferita diceva "Diavolo Rosso dimentica la strada/contro luce tutto il tempo se ne va..."

Pippicalzelunghe ha detto...

GRANDE!!!!!!Finalmente.....trovo qualcuno che apprezza Paolo Conte!!!! Lo adoro,normalmente quando parlo di lui nessuno lo conosce.Anche per me una delle mie preferite è Diavolo Rosso,poi l'aereopiano,Zanzibar,Veni via con me. Devo dire però che l'ultimo CD Nelson non mi ha entusiasmato più di tanto,tu l'hai ascoltato?

Mari da solcare ha detto...

E' una canzone molto bella: ha un che di triste, di crepuscolare e struggente. "Sei sempre qui, si. Tra le mie dita, che in un sorriso vivi." E poi le nuvole bionde, la ruggine densa...
Pura poesia.
Grazie.

Doctor Peter and Mister Hook ha detto...

@Vele - @Pippi - Felice che apprezziate questo rispolvero. In realtà vorrò approfondire questo autore, l'ho ascoltato sempre un po' a caso, anzi, a naso. Ciao.

@Maruzza - Ma prego, grazie a Lei.